• 1
  • info@lungolagocapodimonte.it
    Prima Webcam in Tempo Reale Seconda Webcam in Tempo Reale

     Articoli ripristinati

     Per Link errato, utilizzate la funzione cerca in alto

    Notizie

    Internet gratis capodimonte viterbo lungolago...

    Internet gratis il primo passo...

    Giuseppe Ottaviani DJ Angel featuring...

    Giuseppe Ottaviani video + musica...

    Giuseppe Ottaviani DJ Fallen featuring...

    Giuseppe Ottaviani video più musica...

    Fuochi Pirotecnici D'Artificio A Capodimonte...

    Fuochi Pirotecnici D'Artificio A Capodimonte...

    Bolsena - Cinquanta chilometri di...

    Lago, emergenza acqua alta

    Estratto del Regolamento della provincia...

    Estratto del Regolamento della provincia...

    MALTEMPO, VENTO IN SARDEGNA DA...

    MALTEMPO, VENTO IN SARDEGNA DA...

    Il maltempo durerà fino a...

    Il maltempo durerà fino a...

    ITALIA, MALTEMPO SI SPOSTA: DOMANI...

    ITALIA, MALTEMPO SI SPOSTA: DOMANI...

    Aeroporto, si può fare ma...

    Aeroporto, si può fare ma...

    100mila euro per guarire dal...

    100mila euro per guarire dal...

    Viterbo - Il mago Cagliostro...

    Viterbo - Il mago Cagliostro...

    Il mago Cagliostro promette sfracelli...

    Il mago Cagliostro promette sfracelli...

    Gli inviati Fabio e Mingo...

    Gli inviati Fabio e Mingo...

    Su Facebook nasce un gruppo...

    Su Facebook nasce un gruppo...

    Sport - Calcio - Serie...

    Sport - Calcio - Serie...

    Viterbo Lago di Bolsea Oggi...

    Viterbo - Lago di Bolsena,...

    Bolsena - Entro un mese...

    Bolsena - Entro un mese...

    GIORNATE DELL'AMBIENTE A CAPODIMONTE

    GIORNATE DELL'AMBIENTE A CAPODIMONTE

    Capodimonte, nel week end l'ottavo...

    Capodimonte, nel week end l'ottavo...

    Capodimonte - Regate a Match...

    CAPODIMONTE - Domani e domenica...

    domenica 6 giugno 2010 ci...

    Corupus Domini Domenica 6 Giugno...

    Gruppo canoa/kayak A.V.I.S. Capodimonte 5°...

    5° RADUNO CANOA A.V.I.S. CAPODIMONTE-Gruppo...

    Eta Beta, a Capodimonte il...

    Eta Beta, a Capodimonte il...

    Bolsena - Sabato e domenica...

    Bolsena - Sabato e domenica...

    Viterbo - Interviene l'assessore Simeone...

    Viterbo - Interviene l'assessore Simeone...

    Fine settimana al Lago di...

    Fine settimana al Lago di...

    Prima inaugurazione della piroga nel...

    Prima inaugurazione della piroga nel...

    TRAVERSATA A NUOTO "ISOLA BISENTINA"...

    TRAVERSATA A NUOTO "ISOLA BISENTINA"...

    Apre Bassano Romano, poi toccherà...

    Apre Bassano Romano, poi toccherà...

    Firmato il decreto per istituire...

    Firmato il decreto per istituire...

    LA PIROGA MONOSSILE DELL'ISOLA BISENTINA...

    LA PIROGA MONOSSILE DELL'ISOLA BISENTINA...

    Il musical “Il sogno di...

    Il musical “Il sogno di...

    Tutto pronto per la rassegna...

    Tutto pronto per la rassegna...

    Gara di nuoto record europeo...

    Gara di nuoto - Record...

    In mostra la piroga preistorica...

    In mostra la piroga preistorica...

    Il 16 Luglio 2010 il...

    Il 16 Luglio 2010 il...

    Oggi Domenica 4 luglio si...

    Oggi domenica 4 luglio 2010...

    Sabato 10 Luglio si è...

    Sabato 10 Luglio si è...

    CACCIA AL TESORO 2010 -...

    CACCIA AL TESORO 2010 -...

    Fine - Conclusione della caccia...

    Fine CACCIA AL TESORO 2010...

    Capodimonte - Li illustra l'assessore...

    Capodimonte - Li illustra l'assessore...

    Il programma televisivo di Rai...

    Il programma televisivo di Rai...

    Capodimonte - Foto delle riprese...

    Capodimonte - Foto delle riprese...

    Successo a Capodimonte per la...

    Successo a Capodimonte per la...

    Nonni e Nipoti: emozioni nell’incontro...

    Nonni e Nipoti: emozioni nell’incontro...

    Viterbo - I sindaci hanno...

    Viterbo - I sindaci hanno...

    A ottobre una nuova riunione...

    A ottobre una nuova riunione...

    "Itinerari Farnesiani in Tuscia", il...

    "Itinerari Farnesiani in Tuscia", il...

    Conferenza sul "Gruppo Ufolofico Alta...

    Conferenza sul "Gruppo Ufolofico Alta...

    G.U.A.T. Gruppo Ufologico Alta Tuscia...

    G.U.A.T. Gruppo Ufologico Alta Tuscia...

    Dicembre Capodimontano 2010 il programma...

    Dicembre Capodimontano 2010 il programma...

    Stella Cometa - Presepe Subacqueo...

    Capodimonte - Vt - Foto...

    Capodimonte oggi sarà illuminata la...

    Capodimonte oggi sarà illuminata la natività sommersa - Un presepe davvero unico

    Capodimonte - Oggi è stata...

    Capodimonte - Il Natale si...

    Capodimonte - Il Natale si...

    Capodimonte - 24 Dicembre 2010...

    Capodimonte - 24 Dicembre 2010...

    Polizia Locale Capodimonte (VT) XV...

    Capodimonte - Programma XV Giornata...

    Gruppo Ufologico Alta Tuscia Marta/Capodimonte...

    Capodimonte - Gruppo Ufologico Alta...

    Comune di Capodimonte - Provincia...

    Capodimonte - XV Giornata Interprovinciale...

    Comune di Capodimonte - Provincia...

    Capodimonte - Programma della Festa...

    ADSL a Capodimonte nella provincia...

    Capodimonte - Dopo 4 mesi...

    Capodimonte - San Sebastiano Patrono...

    Capodimonte - XV giornata interprovinciale...

    Sant Antonio Capodimonte nella Provincia...

    Capodimonte - Foto della festa...

    Capodimonte - Cartelle pazze della...

    Capodimonte - Cartelle pazze della...

    Capodimonte - “Cartelle pazze a...

    Capodimonte - “Cartelle pazze a...

    Capodimonte ordinanza Arsenico Capodimonte provincia...

    Capodimonte - Ordinanza Arsenico -...

    Capodimonte - Veglioni di Carnevale...

    Capodimonte - Veglioni di Carnevale

    Viterbo Capodimonte Per l’annullamento delle...

    Capodimonte - Arsenico, parte la...

    MELOZZO DA FORLI'. L'umana bellezza...

    Melozzo da Forlì - L'umana...

    Il musical “Rugantino” sul palco...

    Il musical “Rugantino” sul palco...

    COSA SUCCEDE AD ACQUAPENDENTE L'ospedale...

    Cosa succede ad Acquapendente -...

    Stazione Meteo a Capodimonte nella...

    Prima Stazione Meteo a Capodimonte...

    Successo a Capodimonte per il...

    Successo a Capodimonte per il...

    Comune di Capodimonte 150 dell'Unità...

    Capodimonte - 150 Anni Dell'Unità...

    Foto dei 150 dell'Unità D'Italia...

    Capodimonte - Foto dei 150...

    Capodimonte Gli esercenti Invitati a...

    La promozione turistica On Line...

    Capodimonte - Immigrati, in campo...

    Capodimonte - Immigrati, in campo...

    Viterbo - L'assessore Sabatini e...

    Capodimonte - L'assessore Sabatini e...

    Capodimonte - Commercianti indignati per...

    Capodimonte - Commercianti indignati per...

    Capodimonte - Tre regioni, tre...

    Capodimonte - "Tre regioni, tre...

    Capodimonte - Capodimonte: 40 studenti...

    Capodimonte - Capodimonte: 40 studenti...

    Lago di Bolsena - Francesco...

    Lago di Bolsena - Francesco...

    Capodimonte - Protagonista su Borghi...

    Capodimonte - Protagonista su Borghi...

    Capodimonte - Si conclude oggi...

    Capodimonte - Si conclude oggi...

    Capodimonte - VIDEO - Protagonista...

    Capodimonte - VIDEO - Protagonista...

    L'Amministrazione comunale ed i cittadini...

    Capodimonte - L'Amministrazione comunale ed...

    Ristorante " La Barca "...

    Il Ristorante " La Barca...

    Capodimonte - Alessandro Facchini vince...

    Capodimonte - Alessandro Facchini vince...

    Capodimonte, fatto brillare un ordigno...

    Capodimonte, fatto brillare un ordigno...

    Capodimonte VELA : sul lago...

    Capodimonte - VELA : sul...

    Capodimonte Lago di Bolsena Liquami...

    Lago di Bolsena - Liquami...

    Capodimonte - Federazione Galattica, a...

    Capodimonte - Federazione Galattica, a...

    Maltempo a Capodimonte, interviene la...

    Maltempo a Capodimonte, interviene la...

    Capodimonte - Webcam di Capodimonte...

    Capodimonte - Finalmente anche a...

    Capodimonte - Incidente sulla strada...

    Capodimonte - Incidente sulla strada...

    Capodimonte - Gara di Pesca...

    Capodimonte - Gara di Pesca...

    Capodimonte - All Stars Bass...

    Capodimonte - All Stars Bass...

    Capodimonte La stella cometa illumina...

    Capodimonte - La stella cometa...

    Capodimonte - All Stars Bass...

    Capodimonte - FOTO - All...

    Capodimonte: Consiglio Comunale aperto su...

    Capodimonte: Consiglio Comunale aperto su...

    Collaborazione - LungoLagoCapodimonte.it e' lieto...

    Collaborazione - LungoLagoCapodimonte.it e' lieto...

    Capodimonte - Foto - Infiorata...

    Capodimonte - Foto - Infiorata...

    Capodimonte - Foto - Nevicata...

    Capodimonte - Foto - Nevicata...

    Capodimonte - Archeotrekking - Sabato...

    Capodimonte - Archeotrekking - Sabato...

    Legambiente, il lago tutto a...

    Capodimonte - Legambiente, il lago...

    Webcam di Capodimonte (VT) di...

    Capodimonte - Webcam di Capodimonte...

    Conferenza sulla Metereologia a cura...

    Capodimonte - Conferenza sulla Metereologia...

    Imbarcazione si ribalta a largo...

    Lago di Bolsena - Imbarcazione...

    Lavori sulla provinciale del lago...

    Capodimonte - Lavori sulla provinciale...

    Vela, domani il trofeo di...

    Capodimonte - Vela, domani il...

    Al via il Torch run...

    Sport - Al via il...

    Grest 2013 a Capodimonte dal...

    Capodimonte - GREST parrocchiale dal...

    Programma estate 2013 feste eventi...

    Capodimonte - PROGRAMMA ESTATE 2013

    A Capodimonte Imu sui terreni...

    CAPODIMONTE - “L’amministrazione comunale consapevole...

    Cappella scoperchiata al cimitero a...

    Maltempo - Cappella scoperchiata al...

    Madre e figlio investiti a...

    CAPODIMONTE - (M.C.) Un incidente,...

    "Ferito alla testa ma cacciato...

    “Tuscania s’improfuma”. Potrebbe essere questo...

    Terre di Maremma si fa...

    Cultura - A Cellere l'assemblea...

    Piccole anguille crescono. Nel lago...

    Piccole anguille crescono. Nel lago di Bolsena

    Il sopralluogo sul lago di...

    Tutti i numeri delle elezioni...

    Tutti i numeri delle elezioni provinciali

    Mauro Mazzola, sindaco di Tarquinia...

    La situazione della Banda Larga...

    Infratel Italia, la società fondata...

    The flow, l’arte contemporanea sbarca...

    The flow, l’arte contemporanea sbarca a Capodimonte

    Capodimonte – La Cascina Capodimonte...

    Entrata in Talete? Sindaci in...

    Su iniziativa del Sindaco di...

    MALTEMPO, VENTO IN SARDEGNA DA DOMANI SOLE AL NORD

    MALTEMPO, VENTO IN SARDEGNA DA DOMANI SOLE AL NORD

     


    Ancora maltempo sul territorio italiano? «No, è finito. Da domani, da Ovest, arriva l'anticiclone delle Azzorre, con un deciso miglioramento al Nord, e Centro, sulla fascia tirrenica in particolare, con temperature in rialzo». È quanto annuncia all'ANSA il presidente della Società italiana di meteorologia Luca Mercalli, nel precisare che «tuttavia l'anticiclone non conquista tutto il Mediterraneo, lasciando ultimi residui di maltempo, con rovesci locali, sulla parte adriatica e al Sud, Sicilia esclusa. A Est e nel Mezzogiorno i miglioramenti di registreranno con uno-due giorni di ritardo». Si apre dunque, a detta dell'esperto, «una prima fase della settimana più tranquilla, decisamente più stabile, con temperature attorno ai 22-24 gradi al Nord». Del resto, osserva Mercalli, «sta facendo il tempo che spesso si registra a maggio. Infatti, soprattutto nell'Italia settentrionale e centrale, maggio è uno dei mesi più piovosi dell'anno, insieme a novembre. Quest'anno maggio viene percepito come inclemente, perchè segue un inverno piovoso, quasi senza tregue; l'ultimo semestre è stato infatti caratterizzato dalla frequenza delle piogge, più che dagli estremi». Infine, sul ritorno dell'anticlone dato da molti per scomparso quest'anno, secondo il presidente della Società italiana di meteorologia «è un abbaglio personalizzare. L'anticiclone delle Azzorre c'è sempre stato, ma aveva un configurazione diversa. Si tratta di una sorta di bolla fluttuante che si muove come un fluido che quando va verso il Nord Europa protegge il Regno Unito e l'Atlantico, quando conquista il Mediterraneo porta qui la bella stagione».

    FORTE VENTO IN SARDEGNA Un forte vento proveniente da ovest e nord-ovest sta sferzando la Sardegna da questa mattina, con raffiche che nel sud dell'Isola hanno raggiunto anche i 100 km all'ora, secondo quanto rilevato dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Il record nella zona di Capo Carbonara, nella costa sud-orientale della Sardegna, con un vento di ponente di 54 nodi (99 km/h). Il forte vento sta creando disagi nei collegamenti marittimi, dove si registrano ritardi nei porti sardi. A causa del mare in burrasca, invece, ieri sera non è partito il traghetto della Tirrenia diretto da Cagliari a Palermo. Nel cagliaritano decine di interventi dei Vigili del Fuoco, soprattutto per alberi sradicati e cornicioni saltati a causa della furia del vento, ma non si registrano danni particolari o feriti.

    90 INTERVENTI DEI VIGILI DEL FUOCO Il maltempo che sta interessando anche la Capitale ha costretto i vigili de fuoco a numerosi interventi, circa 90, durante la notte. Rami caduti, strade allagate hanno impegnato i pompieri con interventi comunque di routine. Non vengono segnalati danni gravi o feriti.

    PIENA PO NEL FERRARESE Il livello del Po nella provincia di Ferrara è previsto, causa maltempo, al di sopra del livello d'attenzione. Per questo la Protezione civile dell'Emilia- Romagna ha attivato la fase di attenzione per 66 ore, dalle 16 di oggi alle 10 di martedì. Dalla piena dovrebbero essere coinvolti i comuni di Berra, Bondeno, Ferrara, Mesola, Ro e Goro. La piena potrebbe causare difficoltà alle attività agricole e agli insediamenti vicini, ai cantieri e ad altre attività presenti lungo le sponde.

    CRITICITA' NELLE MARCHE Un nuovo avviso di criticità idrogeologica, sdopo quello di ieri, è stato diramato dalla protezione civile delle Marche: è valido dalla mezzanotte di oggi alle 12 di domani. Nel periodo interessato potranno esserci precipitazioni residue, dopo il tempo dovrebbe migliorare. Sono allertate tutte le aree della regione: possibili dissesti, smottamenti e esondazioni localizzate.

    INCIDENTI SUL GRA Diversi incidenti, una decina, tutti senza gravi conseguenze per gli automobilisti coinvolti, si sono verificati questa mattina su diversi tratti del grande raccordo anulare. Complice la pioggia, e dunque l'asfalto viscido, diversi mezzi che percorrevano il gra sono stati protagonisti di sinistri «autonomi», ossia senza il coinvolgimento di terzi. La polizia stradale non segnala feriti gravi e neanche ripercussioni particolari per il traffico vista anche la scarsa circolazione che si registra. Allerta, comunque, per le situazioni di pericolosità che si sono venute a creare per la presenza sulle carreggiate dei mezzi coinvolti negli incidenti.

    DONNA FERITA DA IMPALCATURA A COSENZA Una donna è rimasta ferita in modo non grave a Rossano a causa del cedimento, provocato dal forte vento, di una parte dell'impalcatura di un palazzo in ristrutturazione nel centro storico. La donna è stata soccorsa a trasportata in ospedale per accertamenti. Il cedimento dell'impalcatura installata sull'edificio, in piazza Steri, ha danneggiato anche tre automobili parcheggiate nei paraggi. Sul posto è intervenuta la polizia municipale che ha transennato l'area.

    PIOGGIA E VENTO IN CALABRIA Piogge intense e intermittenti, vento forte e abbassamento delle temperature dopo le punte quasi estive dei giorni scorsi: sono gli effetti della nuova ondata di maltempo che sta interessando la Calabria. Dopo un paio di mesi di tregua nella regione dove la piovosità invernale ha prodotto numerosi problemi all'assetto idrogeologico con frane e smottamenti, le precipitazioni si stanno verificando un pò su tutta la Calabria in particolare ul versante tirrenico. Temporali e vento nel cosentino dove, a Lattarico, proprio il vento ha scoperchiato il tetto di un capannone. Stessa situazione a Reggio Calabria dove, nella notte, i vigili del fuoco, a causa delle forti raffiche di scirocco, sono dovuti intervenire per alberi e segnaletica pericolante. Pioggia e vento anche a Catanzaro e nella provincia.

    MALTEMPO PER TUTTO IL WEEKEND
    Il maltempo non abbandona gran parte dell'Italia e anche il fine settimana in arrivo sarà caratterizzato da piogge un pò dovunque lungo la penisola. Quanto preannunciato all'inizio del mese, il miglioramento solo a partire dalla metà di maggio, si è rivelato più vicino alla realtà rispetto alle speranze della settimana passata, di sole e temperature più alte già da domenica scorsa. «Nei prossimi giorni - conferma Andrea Giuliacci, meteorologo di Epson Meteo - avremo ancora una fase di forte maltempo perchè sta entrando nel Mediterraneo aria piuttosto fredda di origine nord-atlantica, che domani darà vita ad un nuovo mulinello di bassa pressione. Per cui quella di domani sarà una giornata decisamente brutta in gran parte dell'Italia, fra l'altro con venti forti su tutti i nostri mari e con un sensibile calo delle temperature. In particolare al centro-sud ci saranno molte piogge con temporali; piogge, in alcuni casi intense, anche nel nord-est, cioè nel Triveneto e nell'Emilia Romagna; al nord-ovest, che poi è la zona più bersagliata in questi ultimi giorni, già domani il tempo comincerà invece a migliorare, le piogge saranno veramente pochissime e vedremo anche un pò di sole». Andrà un pò meglio domenica, in gran parte del nord sarà bel tempo, le nuvole lasceranno spazio al sole e non pioverà. Godranno una buona giornata anche la Sicilia e la Sardegna. Ma non così il resto del paese. «Sarà ancora nuvoloso al centro-sud - prevede il meteorologo - ma con molte meno piogge rispetto al giorno prima, e queste piogge bagneranno più che altre le regioni tirreniche, dalla Toscana alla Calabria. Anche le temperature cominceranno a risalire, soprattutto al nord, e i venti saranno meno intensi». Poi, tra lunedì e mercoledì della prossima settimana dovrebbe esserci finalmente il miglioramento tanto atteso, con sole in gran parte dell'Italia e solo qualche rannuvolamento, più che altro i classici brevi temporali pomeridiani sulla dorsale appenninica. «Dovremmo anche avere - continua Giuliacci - temperature da metà maggio, il che vuol dire, in presenza di sole, anche con un pò di caldo al pomeriggio. Dappertutto temperature oltre 20 gradi, con punte di 27-28 al sud». Dopo una prima parte del mese che, al contrario di quanto accaduto negli ultimi anni, non ha portato un caldo eccessivo e già estivo. «Questo maggio - rivela Giuliacci -, anche se siamo solo a metà, è stato uno dei più piovosi degli ultimi 30 anni. Ce ne furono di simili solo nel 1991 e nel 1984».

    COLDIRETTI: A RISCHIO PIANTE E API
    Oltre a disturbare tutti i weekend degli italiani, l'incessante pioggia di primavera che ha provocato danni per milioni di euro alle coltivazioni colpisce anche gli animali come le api che non possono volare sulle piante in fioritura e restano senza nettare. È quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che il maltempo con nubifragi, temporali violenti, vento forte e grandinate ha colpito frutteti, vigneti come pure le semine di mais e pomodoro, ma in pericolo ci sono anche 57 miliardi di api italiane che trovano alloggio in quasi 1,2 milioni di alveari, dove si sono prodotti 20 milioni di chili di miele ed offrono «gratuitamente» un servizio di impollinazione alle piante agricole lungo tutto lo Stivale che vale 2,5 miliardi all'anno. Il lago di Como a Melgrate ha superato la quota di esondazione di Piazza Cavour a Como mentre quello di Garda a Peschiera e il Maggiore a Sesto Calende sono sui massimi storici del periodo e il Po a Piacenza è ben al di sopra .della la soglia di sicurezza di 3,5 metri fissata per la riapertura del ponte provvisorio, a causa della pioggia di primavera che è arrivata dopo un inverno che - sottolinea la Coldiretti - si è posizionato al secondo posto (dopo quello dello scorso anno) nella classifica dei più piovosi degli ultimi 30 anni, sulla base dei dati dell'Istituto di Scienze dell'atmosfera e del clima (Isac). Il risultato nelle campagne sono - precisa la Coldiretti - i campi allagati ma per effetto dell'umidità sono stati rovinati anche fiori e polline indispensabili per la produzione di miele e la riproduzione delle piante. Nonostante la stagione ricca di fioriture l'effetto più immediato del maltempo è - conclude la Coldiretti - quello di una probabile riduzione della produzione di miele di circa 5 milioni di chili di miele rispetto al 2009.

    "STATO DI CALAMITÀ"
    «Chiediamo alla Regione e al Governo la proclamazione dello stato di calamità naturale per i Comuni della Lombardia». La richiesta arriva da Attilio Fontana, sindaco di Varese e presidente di Anci Lombardia, per i danni al territorio causati da due settimane di piogge. «Molti comuni della Lombardia hanno avuto a che fare in questi giorni con frane, esondazioni, e danneggiamenti a strade e territorio - prosegue Fontana -. Chiediamo che da Regione e Governo arrivino aiuti concreti per fare fronte a questa situazione. Oltre a questo, per ripristinare i danni subiti in queste settimane i sindaci rischiano di non poter spendere i loro soldi per colpa del patto di stabilità. Per il bene dei cittadini e delle imprese del territorio, soprattutto agricole, chiediamo che le spese che i Comuni dovranno sostenere per sistemare i danni provocati dal maltempo esulino dal patto».

    MAGGIO TRA I PIÙ PIOVOSI DEGLI ULTIMI 30 ANNI Ancora piogge, allagamenti e smottamenti in varie parti d'Italia. Più che quelle di metà maggio, le condizioni meteorologiche sembrano essere quelle della fine di marzo. «Questo mese di maggio - conferma Andrea Giuliacci, meteorologo di Epson Meteo - è stato uno dei più piovosi degli ultimi 30 anni. Per trovarne di simili bisogna tornare al 1991 o al 1984. Però tanto è insolito questo maggio quanto lo erano quei mesi di maggio in cui si toccavano con facilità i 30 gradi già all'inizio del mese. Negli ultimi anni ci eravamo abituati a caldi estivi già nei primi giorni di maggio, tanto è vero che abbiamo battuto anche alcuni record». E il fine settimana sarà ancora con l'ombrello? «Quella di domani sarà una giornata decisamente brutta in gran parte dell' Italia, fra l'altro con venti forti su tutti i nostri mari e con un sensibile calo delle temperature. Domenica andrà un pò meglio perchè in gran parte del nord sarà bello. Il tempo sarà tutto sommato buono anche nelle isole maggiori, ancora nuvoloso al centro-sud ma con molte meno piogge rispetto al giorno prima, e queste piogge bagneranno più che altre le regioni tirreniche, dalla Toscana alla Calabria».

    P.CIVILE: CRITICITÀ MODERATA IN LOMBARDIA
    Livelli di criticità moderata per il maltempo e il rischio idraulico e geologico nella zona Nord-Ovest della Lombardia: i territori occidentali delle province di Como, Lecco, Sondrio e Varese. Altrettanto per rischio idraulico sulla pianura occidentale: e aree ad Ovest delle province di Bergamo, Como, Lecco, Cremona, Lodi, Monza e Brianza, Milano, Pavia e Varese. È l'aggiornamento dell'avviso di criticità per rischio idrogeologico e idraulico emesso dalla sala operativa della Protezione Civile della Regione Lombardia. In base alle previsioni meteo elaborate dall'Arpa, l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente) Lombardia e dal Servizio meteorologico regionale (Smr) per oggi sul nordovest e pianura occidentale sono attese precipitazioni da deboli a moderate con possibilità di isolati, anche forti, nuclei temporaleschi, nelle province di Milano, Monza e Brianza, Varese, Como, Lecco e parte della bergamasca. Le precipitazioni saranno accompagnate da locali raffiche di vento e grandine. Altrove temporali meno probabili. Domani precipitazioni deboli sparse soprattutto sui settori centro-orientali e Oltrepò Pavese con possibilità di temporali, localmente anche forti, sui settori orientali (province di Mantova, Brescia e Cremona). Anche in questo caso i fenomeni temporaleschi saranno associati a vento forte e grandine. Minore probabilità di temporali su Nord-Ovest (province di Como, Lecco, Varese) e Valli Bergamasche. Tra le aree di criticità a Monza si sta valutando la possibilità di rompere l'argine del fiume Lambro all'interno del parco in modo da laminare la piena, ossia ottenere un progressivo abbassamento del suo colmo. In provincia di Milano ad Arese è sta scoperchiata una palazzina a causa di un fulmine e sono stati evacuati 12 nuclei familiari. A Rho, nell' hinterland del capoluogo lombardo, i torrente Bozzente è esondato nuovamente.

    WEEKEND DI PIOGGIA AL CENTRO-SUD Una vasta perturbazione atlantica che si estende dalla Groenlandia fino alle isole Canarie, coinvolgerà domani il bacino del Mediterraneo, continuando a determinare condizioni di maltempo, in particolare al Centro-Sud. Lo segnala la Protezione Civile, che ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che estende ed integra quello diffuso ieri. In particolare dalla tarda serata di oggi, si prevede il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale localmente di forte intensità, sulla Sardegna, in estensione da domani, alle regioni nord-orientali e a quelle centro-meridionali, specialmente sui settori tirrenici. I fenomeni potranno essere accompagnati da attività elettrica e forti raffiche di vento. Sono previsti, inoltre, venti molto forti dai quadranti occidentali sulle isole maggiori e sulle regioni meridionali con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

    ANCONA, POSSIBILI ALLAGAMENTI A
    seguito dell'avviso di condizioni meteo avverse della protezione civile regionale, l'assessore alla protezione civile del Comune di Ancona Fabio Borgognoni ha allertato il Centro Operativo Comunale (Coc). Data l'evoluzione meteorologica, sono possibile smottamenti, allagamenti e innalzamentri significativi dei livelli idrometrici in particolare lungo la fascia costiera. Il Comune invita la popolazione ad adottare la massima prudenza nella circolazione e nello svolgimento di qualsiasi attività lungo la costa

    MILANO, TRENI IN TILT Disagi alla circolazione ferroviaria questa mattina a Milano per una serie di fulmini che hanno colpito un cavo elettrico che alimenta gli apparati tecnici e una centralina elettrica nel milanese. Si sono registrati ritardi fino a due ore sulle diverse linee e due treni sono stati cancellati. Il primo fulmine si è abbattuto alle 7.15 circa su un cavo proveniente dalla linea AEM che alimenta tutti gli apparati tecnici e, contemporaneamente, il cavo telefonico del sistema di telecomando della cabina FS posizionata fra le stazioni di Milano Porta Garibaldi e Milano Certosa. I ritardi hanno interessato la circolazione dei treni nell'area Nord-Ovest di Milano, sulla direttrice per Novara. La linea del Passante ferroviario milanese, alimentata da un'altra centrale, Š rimasta operativa e non ci sono state ripercussioni sul traffico ferroviario. Altri fulmini hanno colpito poi una centralina elettrica fra Magenta e Vittuone, sulla linea Novara-Milano. Circa un'ora i ritardi medi, tra le 8,35 e le 10,50, per una quarantina di convogli in viaggio sulle linee Milano-Torino, Milano-Domodossola, Milano-Varese, Milano-Lecco e Milano-Chiasso. Il picco di ritardo, due ore, è stato registrato dal Regionale 2005 Torino-Milano. Due IC Milano-Torino sono stati cancellati.

    DISAGI A PERUGIA Ha fatto danni e creato problemi a Perugia e in periferia la pioggia di ieri e della notte scorsa, come riferiscono stamani i vigili del fuoco, al cui centralino sono arrivate numerose richieste di intervento. Nella zona di Ponte Pattoli una frana sulla strada che porta a Migiana ha ostacolato la viabilità e causato difficoltà ai residenti della zona. A Piccione un consistente accumulo di acqua negli scavi di un cantiere minacciava alcune abitazioni circostanti: così i pompieri sono intervenuti la notte scorsa con le loro idrovore per svuotare l'acqua dallo sterrato. L'intervento, durato circa sette ore, ha consentito di eliminare ogni rischio. Gli stessi vigili sono intervenuti poi per due incidenti stradali, uno lungo la galleria San Faustino (dove si era ribaltato una vettura) e l'altro a Rivotorto di Assisi: qui un autoveicolo aveva urtato una cabina stradale di distribuzione del gas metano, provocando danni limitati. Infine a Ponte Rio è stato spento l'incendio di alcuni quadri e contatori elettrici.

    PIOGGE FINO A DOMENICA
    Stazionerà sull'Italia almeno fino a domenica la vasta perturbazione atlantica che ha determinato condizioni di maltempo su buona parte del Paese, in particolare al Nord. Correnti umide ed instabili continueranno ad interessare le regioni centro-settentrionali, portando precipitazioni più diffuse e persistenti dapprima sulle zone dell'arco alpino e prealpino e, successivamente, anche al Centro-Sud. Lo rileva la Protezione Civile che ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che estende quello diffuso nella giornata di ieri. In particolare, da domani si prevede il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale localmente di forte intensità, sulle regioni settentrionali. I fenomeni potranno essere accompagnati da attività elettrica e forti raffiche di vento. Sabato i rovesci ed i temporali interesseranno soprattutto le regioni centrali e quelle tirreniche meridionali; mentre al Nord si prevedono precipitazioni residue specialmente sul settore orientale. Domenica, infine, ci sarà una graduale attenuazione della nuvolosità al Nord, mentre al Centro-Sud si prevedono ancora rovesci e temporali, in attenuazione solo dalla serata.

    LAGO DI COMO OLTRE I LIMITI Il lago di Como a Melgrate ha superato la quota di esondazione di Piazza Cavour a Como mentre quello di Garda a Peschiera e il Maggiore a Sesto Calende sono sui massimi storici del periodo e il Po a Piacenza è ben al di sopra della la soglia di sicurezza di 3,5 metri fissata per la riapertura del ponte provvisorio. È quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti dal quale emerge che il maltempo primaverile con frane, allagamenti e pioggia ha provocato danni per milioni di euro alle coltivazioni agricole. A Padova - sottolinea la Coldiretti - decine le aziende denunciano danni ingenti a frutteti, vigneti ma anche mais, barbabietola, soia per effetto dei nubifragi con caduta di grandine. Nel Comasco e nel Lecchese la pioggia ininterrotta ha provocato un calo delle produzioni del 40 per cento di patate e del 25 per cento di mais con semine da rifare su un terzo del territorio della provincia, mentre a Mantova si registra una perdita che varia tra il 30 e il 40 per cento della produzione di pere Igp. Vento forte, piogge violente e grandinate mettono a rischio - continua la Coldiretti - i raccolti delle colture orticole e delle piante da frutto oltre che compromettere le ultime semine del mais e del pomodoro. Il maltempo - conclude la Coldiretti - sta ostacolando il lavoro delle api che non riescono a raggiungere il polline dei fiori indispensabile per la produzione di miele e la riproduzione delle piante.

    TEMPORALE NEL TORINESE
    Un forte temporale, con tanto di grandine, si è abbattuto oggi pomeriggio nel torinese. I maggiori problemi si sono riscontrati nella zona Ovest del capoluogo, con numerosi interventi dei vigili del fuoco nei Comuni di Buttigliera Alta, Rivoli e Collegno, dove la pioggia ha allagato il municipio. «Ad andare sott'acqua Š stato il piano interrato del palazzo civico - racconta Bartolomeo Valentino, assessore ai Lavori Pubblici di Collegno - con il completo allagamento della sala mensa. La stessa cosa è accaduta alla biblioteca civica, a Leumann, dove è stato danneggiato anche l'archivio storico del Comune. Abbiamo dovuto chiudere tutti i sottopassi e abbiamo avuto problemi in diverse scuole». Tra le 17 e le 18.30, i vigili del fuoco hanno effettuato oltre 30 interventi sul territorio provinciale, per la maggior parte già risolti, mentre una decina risulta ancora in attesa.

    FRANE E ALLAGAMENTI IN TOSCANA Piogge intense, frane e allagamenti. La morsa del maltempo sembra non dare tregua alla Toscana, anche se le previsioni indicano per i prossimi giorni un lento miglioramento. Stamani nel Comune di Castelnuovo Berardenga, alle porte di Siena, una tromba d'aria si è abbattuta in località Vagliagli-l'Aiola causando danni ad alcuni edifici agricoli e stalle e facendo fuggire gli animali. Il centro intercomunale della Protezione Civile Chianti Senese sta ancora valutando la portata dei danni. Sempre in Provincia di Siena, a Colle Val d'Elsa, le forti piogge cadute ieri sera (45 millimetri in due ore), insieme a grandine e forti raffiche di vento, hanno causato l'esondazione di piccoli corsi d'acqua con allagamenti e danni ad abitazioni e negozi.  Il Comune sta valutando, insieme alla Protezione Civile regionale e provinciale, di chiedere lo stato di calamità naturale. Particolarmente colpita anche la Val di Cecina in Provincia di Pisa. Nel Comune di Capannoli le piogge intense di queste ore hanno causato frane e allagamenti che hanno interrotto due strade, via Fratelli Bandiera e via Fontavalle, isolando 6 famiglie. Sul posto sono state anche rimosse alcune piante che potevano creare situazioni di pericolo, mentre gli alvei dei fiumi sono costantemente tenuti sotto osservazione. Nel Comune di Peccioli (Pisa) una frana ha causato la chiusura della strada comunale di Ripassaia per circa 50 metri. A Volterra, subito a valle del quartiere San Giusto, è stata chiusa al traffico la strada comunale, isolando 25 persone e due attività agrituristiche. Un fabbricato a valle è stato sgomberato. Frana anche sulla Sp 15 Volterrana con la chiusura totale della strada. Nei Comuni di Lari, Lajatico, Palaia e Terricciola si segnalano allagamenti di scantinati, strade comunali e provinciali.Ma danni e disagi non hanno risparmiato altr e zone della Toscana. Una frana ha interessato il Comune di Carrara sulla strada statale 446 in località Linara, dove domani transiterà la sesta tappa del Giro d'Italia, senza gravi conseguenze sul traffico. In Provincia di Firenze, a Certaldo, ieri sera un fulmine ha colpito la ciminiera del complesso 'ex Aereonauticà in via Matteotti causando il crollo parziale della struttura che ha danneggiato la palestra comunale e alcune abitazioni. La strada è ancora chiusa per permettere l'abbattimento della parte della ciminiera rimasta in piedi. Infine, è rientrato l'allarme per la piena del torrente Bruna nel grossetano.

    RIPRISTINATA FERROVIA ERBA-BASSO È stata ripristinata la linea ferroviaria Milano-Asso nel tratto tra Erba e Asso, interrotta da giovedì scorso dopo lo smottamento del terreno causato dal maltempo nei pressi della galleria a Caslino d'Erba nel Comasco. Lo comunica Trenitalia-Lenord. Nei giorni di interruzione il collegamento è stato garantito da un servizio di bus sostitutivi.

    SALE LIVELLO DEL LAGO DI BOLSENA Lungolago crollato, spiagge divorate, ormeggi rotti per due imbarcazioni al porto, camping e strutture ricettive minacciate dall'acqua, il cui livello continua a salire a causa delle piogge. È allarme rosso per il lago di Bolsena. «Non c'è più tempo, non possiamo attendere un piano organico d'interventi - ha detto il sindaco di Bolsena Paolo Dottarelli - L'Ardis e il genio civile devono intervenire in poche ore o rischiamo il disastro». Secondo Dottarelli devono aperte almeno altre due delle cinque paratie che regolano il deflusso dell'acqua del lago nell'unico emissario, il fiume Marta, che sono gestite appunto dall'Ardis e dal Genio Civile. «L'appello che lancio - ha aggiunto - è anche a nome dei sindaci degli altri comuni lacustri: Capodimonte, Marta, San Lorenzo Nuovo, Montefiascone, Gratte di Castro e Gradoli». Il livello crescente del lago di Bolsena è al centro dell'attenzione delle istituzioni locali da tempo. Il prefetto di Viterbo Carmelo Aronica attendeva la costituzione della nuova giunta regionale per istituire un tavolo tecnico che pianificasse gli interventi. L'apertura delle paratie del Marta, infatti, rischia di far esondare il fiume nell'area di Marina Velka, a Tarquinia, che in passato ha subito varie alluvioni. «È indispensabile agire subito - conclude il sindaco di Bolsena - domani potrebbe essere tardi. Altrimenti potrebbe saltare la prossima stagione turistica, con gravissime ripercussioni economiche per tutto il comprensorio».

    INTERVENTI A RIETI «Dopo un inverno caratterizzato da condizioni meteorologiche che hanno provocato danni rilevanti al sistema stradale provinciale reatino, tanto da spingerci a chiedere lo stato di calamità naturale, questa notte un'eccezionale ondata di maltempo ha colpito l'intera provincia di Rieti causando ulteriori danni alla nostra rete stradale e creando di conseguenza gravi difficoltà ai cittadini e alle aziende del territorio». È quanto dichiara il presidente della Provincia di Rieti, Fabio Melilli, in merito ai danni causati dal maltempo nella notte di ieri: «L'Amministrazione provinciale si è immediatamente attivata per cercare di ridurre al minimo i disagi impiegando nelle operazioni di bonifica e di messa in sicurezza della rete viaria tutto il personale e tutti i mezzi a disposizione supportati anche da numerose ditte locali intervenute con mezzi d'opera. Al momento non è possibile fare una stima precisa dei danni che sono evidentemente ingenti ma la Provincia di Rieti ha già esaurito le risorse a sua disposizione per far fronte a questo tipo di situazioni a causa delle emergenze dell'inverno appena trascorso. Per questo motivo è mia intenzione chiedere anche alla presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, di intervenire per cercare di porre rimedio ai disagi e alle difficoltà che si sono CREATE nel più breve tempo possibile». «Di seguito gli intereventi: Poggio Moiano: dal km 0 fino al km 12 della Sr Licinese, continui smottamenti da monte tutti rimossi, mentre al km 6+400, sotto al cimitero, è ceduto un costone sulla strada che la Forestale e il geologo hanno disposto di non rimuovere per evitare altri crolli, la strada è stata chiusa dall'Astral; Sp Turanense: rimossi sette smottamenti; Marcetelli: sotto l'abitato rimossi tre smottamenti; Sp 33 Stipes - Longone: rimosso uno smottamento; Sp 34a (Belmonte): rimosso uno smottamento; Sp 34b (Capannaccia): rimosso uno smottamento; Monteleone: diversi smottamenti da monte rimossi e uno smottamento a valle transennato; Poggio San Lorenzo: uno smottamento monte rimosso e uno a valle transennato; Ponte Buita (ex Salaria): 2 smottamenti lato monte rimossi; Fiacchini (ex Salaria): 2 smottamenti lato monte rimossi; Ex Salaria (altezza Cerdomare): sistemazione fosso esondato; Ex Salaria (Osteria Nuova): vicino svincolo Salaria, pulito fosso esondato trascinando veicoli; Ex Salaria (bivio Ponticelli): rimossi smottamenti da monte e detriti in località Madonna della Quercia; Ex salaria, Bivio scandriglia: smottamenti da monte rimossi; Ponticelli: smottamenti da monte rimossi e ribaltamento muro di Contenimento; Sp 40a (tra Ponticelli e bivio Scandriglia): rimosso smottamento consistente da monte; Sp 39 (altezza bivio Ponticelli): ripulito un canale esondato con acqua che tracimava verso il bivio di Poggio Corese; Sp 42 Mirtense: rimosso smottamento da monte in località Monte Santa Maria e rimossi altri 2 smottamenti prima e dopo Castelnuovo di Farfa; Sp 42c Canneto (tra Canneto e la Salaria): rimossi tre smottamenti; Sp 44 (prima di Collelungo): frana a valle transennata».

    PADOVA, IMPEGNATI 200 VOLONTARI Sono stati oltre 200 i volontari della Protezione civile che si sono mobilitati nei vari Comuni padovani per l'allerta maltempo. Oltre alla città di Padova, le zone più colpite sono state a sud, l'area che va da Pernumia, Due Carrare, Albignasego, Maserà, Abano e Montegrotto, mentre a nord Campodarsego, Noventa Padovana, Villanova di Camposampiero e Borgoricco. «La Protezione civile della Provincia - ha detto la presidente dell'Amministrazione provinciale Barbara Degani - ha dimostrato ancora una volta la sua efficienza nel territorio sia nel coordinare le squadre attivate dai vari Comuni, sia nell'intervenire a supporto delle situazioni più critiche. Un plauso va ai tanti volontari che, anche in questa occasione, hanno dimostrato professionalità e tempestività nel gestire l'emergenza». I pluviometri in città hanno misurato oltre 60 millimetri di pioggia caduti in un'ora di cui la maggior parte in poche decine di minuti. Una quantità d'acqua eccezionale che, per quanto riguarda Padova, ha messo in crisi soprattutto il centro cittadino e in particolare i quartieri Forcellini, Mandria, Guizza, Brusegana e zona Ospedali. Negli altri comuni, invece, la rapidità delle precipitazioni ha reso difficile il deflusso della rete di scarico delle acque piovane causando tracimazioni di fossati, allagamenti di strade e, conseguentemente, di abitazioni, garage e cantine. «La nostra sala operativa, con il supporto di tre squadre di volontari del Gruppo Provinciale - ha spiegato l'assessore provinciale alla Protezione civile Mauro Fecchio - rimane attiva per tutta l'emergenza. Da subito il Nucleo Operativo Provinciale ha dato il suo efficace contributo con 4 squadre che hanno operato ininterrottamente fino alla mattinata odierna. Molte chiamate ci sono state smistate anche da Carabinieri e Polizia, a dimostrazione che la nostra Sala Operativa è diventata un punto di riferimento per enti ed istituzioni». Tutti i gruppi comunali delle zone colpite si sono attivati in maniera autonoma e con il coordinamento provinciale, impiegando complessivamente circa 150 volontari di Protezione civile. A questi si aggiungono altri 80 volontari appartenenti alle squadre coordinate dalla Provincia di Padova.

    LA RUSSA: «MONITORIAMO LA SITUAZIONE» L'assessore alla Protezione Civile, Polizia Locale e Sicurezza della Regione Lombardia, Romano La Russa, traccia un primo bilancio degli interventi compiuti per limitare i danni provocati dalle forti piogge della nottata. «La situazione nel Comune di Rho è in via di normalizzazione, anche se permane il rischio di una nuova esondazione del torrente Bozzente, affluente del fiume Olona. Sono stati utilizzati numerosi sacchi di sabbia per tamponare il rischio di fuoriuscita delle acque». Per quanto riguarda il traffico La Russa spiega che «nell'area dell'alto milanese potrebbero esserci delle difficoltà conseguenti a una nuova chiusura della ss33, che era stata riaperta la scorsa notte». «La sala operativa della Protezione Civile - conclude La Russa - si mantiene comunque in contatto costante con i responsabili comunali delle attività di contrasto ai danni provocati dal maltempo».

    PO SOTTO OSSERVAZIONE L' Aipo, agenzia interregionale per il fiume Po, mantiene il fiume sotto osservazione, dopo le piogge di questi giorni. L' agenzia informa pure che il ponte provvisorio di barche di Piacenza resterà chiuso dato che il livello del fiume si manterrà nella zona intorno ai 4 metri sopra lo zero idrometrico almeno per le prossime 48 ore (la chiusura avviene al livello di 3,50 metri). Secondo il monitoraggio dei tecnici Aipo, il costante apporto dai laghi piemontesi e lombardi - con scarico dal lago Maggiore in Ticino di 980 m3/sec., dal lago di Como in Adda di 510 m3/sec., dal lago d'Iseo in Oglio di 190 m3/sec., dal lago di Garda in Mincio di 160 m3/sec. - mantiene l'asta del Po, a valle della Becca (Pavia), su valori prossimi a quelli della soglia di attenzione per le prossime 48 ore e, nella sezione di Pontelagoscuro (Ferrara), su valori compresi tra 0 e 1 metro sullo zero idrometrico (ordinaria criticità). Sull'arginatura maestra in destra Po in località Pieve di Coriano (Mantova) è in corso un intervento di messa in sicurezza a causa di una modesta erosione dell'argine. Per il resto del bacino, gli affluenti del Po risultano al di sotto dei livelli di pericolosità mentre resta una situazione di criticità sull'asta dell'Olona, che nella notte ha esondato nella zona di confluenza del Bozzente (Rho, San Martino) coinvolgendo alcune abitazioni, e nell'area tra Varese e Milano.

    NUBIFRAGIO NEL GENOVESE Un automobilista di 60 anni, rimasto bloccato nella sua vettura con l'acqua giunta alla cintola in una via allagata ad Arenzano (Genova), è stato salvato da una pattuglia di carabinieri che hanno dovuto infrangere un finestrino per estrarlo dall'abitacolo. È l'episodio più grave provocato da violenti nubifragi che dalla tarda mattinata si abbattono su Genova e sui dintorni. È stato l'uomo a chiamare con il telefonino il 112, dopo essere rimasto bloccato in via della Costa nei pressi della pineta di Arenzano. I carabinieri, giunti sul posto, hanno visto l'acqua arrivare ormai ai finestrini e sono intervenuti immediatamente senza attendere l'arrivo dei vigili del fuoco. In tutto il ponente cittadino i vigili del fuoco sono impegnati con tutte le squadre disponibili per allagamenti in strade, cantine e locali a piano terra.

    SMOTTAMENTI A CARRARA E DOMANI PASSA IL GIRO Vigili del fuoco e polizia municipale di Carrara sono impegnati da stamani in località Linara alle porte della città per mettere in sicurezza la strada statale 446 interessata da una frana. Su quel tratto di strada infatti domani transiterà la sesta tappa del Giro d'Italia Fidenza-Marina di Carrara. Il movimento franoso, causato dalle piogge, era iniziato ieri sera e la notte scorsa alcuni massi si sono staccati dalla collina che sovrasta la statale e sono finiti in una scarpata. I tecnici del Comune di Carrara stanno monitorando la situazione e sperano di risolvere il problema entro il primo pomeriggio.

    FRANA NEL PISANO Quattro nuclei familiari sono rimasti isolati a causa di una frana che ha interrotto la viabilità principale a Capannoli (Pisa). La frana è stata causata da una 'bomba d'acquà (così i metereologi chiamano la pioggia intensa e improvvisa) caduta la notte scorsa. Frane e smottamenti hanno interessato i comuni di Capannoli e Lari fino a Volterra, località in provincia di Pisa dove i vigili del fuoco sono stati impegnati con oltre 20 interventi per la rimozione di piante abbattute e per la messa in sicurezza dei movimenti di terra. Gli alvei dei fiumi sono al limite e vengono costantemente monitorati.

    Fonte Leggo.It

    Aggiungi commento


    Codice di sicurezza
    Aggiorna