Capodimonte – Ordinanza Arsenico – Potabilità Acqua destinato a consumo umano

 



 


Comune di Capodimonte

Provincia di Viterbo

 

 

 

 


ORDINANZA N. ____ DEL 01.02.2011

 

Prot.___________

POTABILITÀ’ ACQUA DESTINATA A CONSUMO UMANO

IL SINDACO

Vista la nota n 3910 del 26 Gennaio 2011, con la quale la AUSL di Viterbo ha comunicato che:

in data 17 Gennaio 2011 è1 stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.12 il Decreto
interministeriale 24 Novembre 2010 concernente la disciplina delle deroghe alle caratteristiche
di qualità’ delle acque destinate al consumo umano che possono essere disposte dalle Regioni
Campania,Lazio,Lombardia e Toscana;

  • il contenuto di tale atto normativo non prevede per i Comuni della Provincia di Viterbo alcuna disciplina di deroga alla concentrazione di 10 microgrammi/litro per il parametro arsenico nell’acqua erogata al consumo umano;

  • il Decreto del Presidente della Regione Lazio n.902 del 30 dicembre 2009 che disponeva la deroga del parametro arsenico nell’acqua erogata al consumo umano fino ad una concentrazione di 50 microgrammi/litro è “ipso facto” decaduto come comunicato in data 25 gennaio 2011 nella riunione convocata in Regione Lazio area Conservazione qualità’ Ambiente e Promozione Sostenibilità’ Ambientale;

  • Sotto il profilo giuridico-amministrativo l’acqua erogata al consumo umano nella provincia di Viterbo e’ qualitativamente idonea solo se ha una concentrazione di arsenico inferiore od uguale a 10 microgrammi/litro, come previsto dal Decreto Legislativo 31/01,concernente le caratteristiche qualitative dell’acqua erogata al consumo umano

  • La Regione Lazio ha inviato al Ministero della salute,per il successivo inoltro alla Commissione Europea una nuova istanza di deroga per fissare la concentrazione del parametro arsenico , in regime transitorio a 20 microgrammi/litro;

  • Circa la derogabilità a 20 microgrammi/litro la Commissione Europea, nella decisione del 28 ottobre 2010, ha espressamente confermato che per quanto riguarda l’arsenico ,le prove scientifiche nei documenti indicati in riferimento negli orientamenti della Organizzazione Mondiale della Sanità’ e nel parere del Comitato Scientifico dei rischi sanitari ed ambientali consentono deroghe temporanee fino a 20 microgrammi/litro senza che ciò’ costituisca un rischio aggiuntivo per la tutela della Pubblica Salute;

-L’Istituto Superiore di Sanità, qualora fosse giuridicamente operativo,per l’acqua erogata al consumo umano un regime di deroga per il parametro arsenico illustra in una tavola sinottica tutti gli utilizzi e le limitazioni d’uso peraltro scrupolosamente riportati nell’avviso alla cittadinanza che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto dispositivo;

-E’ stato di fatto già’ avviato presso la Commissione Europea un procedimento istruttorio finalizzato alla formalizzazione della deroga richiesta per fissare , in via transitoria ,una concentrazione di arsenico, equipollente a 20 microgrammi/litro nell’acqua erogata al consumo umano presso i Comuni della Provincia di Viterbo;

Vista la Legge 833/78 e successive modificazioni ed integrazioni;

Visto il Decreto Legislativo n.31/01 e successive modificazioni ed integrazioni;

Preso atto del contenuto della premessa alla decisione adottata in materia di istituto giuridico concernente la derogabilità’ transitoria del parametro arsenico a 20 microgrammi/litro in data 28 ottobre 2010 dalla Commissione Europea dalla quale si evince che in riferimento alle attuali conoscenze scientifiche non sussistono rischi sanitari aggiuntivi per la pubblica salute, con esclusione delle donne in gravidanza, dei neonati e dei bambini fino a tre anni di età’;

Vista la nota dell’A.T.O. N. 1 Lazio Nord -Viterbo, prot. n. 22 pervenuta in data odierna, con la quale trasmette la nota della AUSL di Viterbo del 28/01/2011, contenente la bozza di ordinanza con tingibile e urgente e bozza di avviso alla popolazione;

Vista la nota dell’AUSL di Viterbo prot. 2797 datata 20.01.2011;

PRESO ATTO CHE IL TENORE DI ARSENICO EROGATO NELLA CONDOTTA IDRICA COMUNALE E’ COMPRESO TRA IL VALORE DI 11 E 20 SALVO VERIFICHE ATTUALMENTE IN CORSO DA PARTE DELLA AUSL, CIRCA L’ATTUALITÀ’ DEL DATO;

ORDINA

LA NON POTABILITÀ’ DELLE ACQUE EROGATE DAL PUBBLICO ACQUEDOTTO DETERMINATA DAL SUPERAMENTO DELLE CONCENTRAZIONI DI ARSENICO FISSATE DAL D.lgs. 31/01 (10 microgrammi/litro);

DISPONE

CHE ALLE DONNE IN GRAVIDANZA, AI NEONATI E AI BAMBINI FINO A TRE

ANNI DI ETÀ SIA SOMMINISTRATA ESCLUSIVAMENTE ACQUA AVENTE CONCENTRAZIONE DI ARSENICO INFERIORE A 10 MICROGRAMMI LITRO;

  • LA PUBBLICAZIONE DELL’ ACCLUSO AVVISO ALLA CITTADINANZA CHE COSTITUISCE PARTE INTEGRANTE E SOSTANZIALE DEL PRESENTE ATTO DISPOSITIVO;

ALLE INDUSTRIE ALIMENTARI RICOMPRESE NEL TERRITORIO COMUNALE L’UTILIZZO DI ACQUA IDONEA AL CONSUMO UMANO (CIOÈ’ AVENTE ARSENICO IN CONCENTRAZIONE RICOMPRESA ENTRO 10 MICROGRAMMI /LITRO) PER LA ATTIVITÀ’ DI PREPARAZIONE DEGLI ALIMENTI IN CUI L’ACQUA COSTITUISCE ELEMENTO INTEGRANTE E SOSTANZIALE;

  • AL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO LA DISTRIBUZIONE DELL1 AVVISO ALLA CITTADINANZA ANCHE TRAMITE IL RECAPITO DELLE BOLLETTE RELATIVE AL

CONSUMO DELL1 ACQUA.

CONSIDERATO

INFINE CHE I LIMITI DI CONCENTRAZIONE DELL’ ARSENICO NELLE ACQUE POTABILI SONO DETERMINATI IN RAGIONE DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE IN CASO DI INGESTIONE DI 2 I/d PER L/INTERO ARCO DELLA VITA

NON COSTITUISCE RISCHIO SANITARIO AGGIUNTIVO (COME SANCITO DAL

COMITATO SCIENTIFICO DI SUPPORTO DELLA U.E.) L’INGESTIONE DELL’ ACQUA EROGATA ATTUALMENTE DAL PUBBLICO ACQUEDOTTO PER UN PERIODO LIMITATO.

PER TALE MOTIVO, IN APPLICAZIONE DEL COMMA 2 DELL ART. 10 DEL D.lgs. 31/01 NON SI RITIENE NECESSARIO ISTITUIRE IMMEDIATI SERVIZI DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTITUTIVI NE’ DI DOVER INTERROMPERE L’EROGAZIONE IDRICA, ATTESO CHE LA POPOLAZIONE E’ INFORMATA SULLE LIMITAZIONI D’USO INDICATE DALL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ’ E CHE E’ IN CORSO UN’ ATTIVITÀ’ CHE CONSENTIRÀ’ DI ISTALLARE ENTRO 30 – 60 GIORNI FONTANE PUBBLICHE (UNA OGNI 2000 – 3000 AB.) IN GRADO DI EROGARE ACQUA CON CONCENTRAZIONI DI ARSENICO AL DI SOTTO DEI 10 microgrammi/litro.

IL SINDACO

Mario Fanelli

AVVISO ALLA CITTADINANZA

L’ARSENICO E’ UN ELEMENTO MINERALE NATURALMENTE PRESENTE NELL’ACQUA, DI ORIGINE VULCANICA, EROGATA AL CONSUMO UMANO PRESSO QUESTO COMUNE.

IN DATA 28 OTTOBRE 2010 E’ STATA EMANATA LA DECISIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA RECEPITA IN ITALIA CON DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 24 NOVEMBRE 2010, PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE N.12 DEL 17 GENNAIO 2011 CHE HA RITENUTO DI NON ACCORDARE ALL’ITALIA LA POSSIBILITÀ’ DI EROGARE TEMPORANEAMENTE AL CONSUMO UMANO ACQUA CON CONTENUTO DI ARSENICO SUPERIORE A 20 MICROGRAMMI/LITRO.

IN PARTICOLARE LA RICHIESTA DI EROGARE AL CONSUMO UMANO ACQUA CON CONTENUTO DI ARSENICO FINO A 50 MICROGRAMMI/LITRO AVANZATA DA PARTE DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI VITERBO NON E’ STATA ACCOLTA E QUINDI E’ STATA INOLTRATA ALLA COMMISSIONE EUROPEA UNA NUOVA RICHIESTA DI DEROGA PER FORNIRE AL CONSUMO ACQUA CONTENENTE ARSENICO IN CONCENTRAZIONE FINO A 20 MICROGRAMMI/LITRO.

DI FATTO, PRESSO LA COMMISSIONE EUROPEA E’ STATO AVVIATO UN PROCEDIMENTO ISTRUTTORIO FINALIZZATO ALLA FORMALIZZAZIONE DELLA DEROGA RICHIESTA.

PER LE ARGOMENTAZIONI DI CUI SOPRA, AD OGGI, LE ACQUE EROGATE NEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI VITERBO NON SONO TUTELATE DAL REGIME DELLA DEROGA E PERTANTO SONO DA RITENERSI GIURIDICAMENTE IDONEE AL CONSUMO UMANO SOLO SE HANNO UNA CONCENTRAZIONE DI ARSENICO NON SUPERIORE A 10 MICROGRAMMI/LITRO.

NELL’ACQUA FORNITA PRESSO QUESTO COMUNE, L’ARSENICO HA UNA CONCENTRAZIONE IN ECCESSO PARIA A:

– ARSENICO fra 11 e 20 microgrammi/litro

STANTE LA PREDETTA CONCENTRAZIONE DI ARSENICO, FERMO RESTANDO IL LIMITE OGGI VIGENTE (NON DEROGATO) DI 10 ug/1., SONO ILLUSTRATI NELLA TABELLA SEGUENTE TUTTI GLI UTILIZZI E LE LIMITAZIONI D’USO ELABORATI DALL’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ’, IN APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA MASSIMA PRECAUZIONE, E, PRESO ATTO DI QUANTO SANCITO DALLA COMMISSIONE EUROPEA NELLA PREMESSA ALLA DECISIONE DEL 28 OTTOBRE 2010 RELATIVAMENTE ALLA EROGABILITA’ AL CONSUMO UMANO, IN REGIME TRANSITORIO, DI ACQUA AVENTE CONTENUTO DI ARSENICO RICOMPRESC ENTRO 20 MICROGRAMMI/LITRO (DEROGA PERALTRO GIÀ’ CONCESSA AD

ALTRE REGIONI ITALIANE COME AD ESEMPIO LA LIMITROFA TOSCANA):

SECONDO L’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ’ E’ POSSIBILE UTILIZZARE L’ACQUA IN CUI L’ARSENICO E’ NATURALMENTE PRESENTE:

[tra 0 e 10 piicrogrammi per litro

USI

Tutti gli usi consentiti per consumo

umano, incluso bere e cucinare,

igiene della persona, degli indumenti

e degli ambienti senza nessuna

limitazione

(acqua conforme al Decreto

Legislativo)

tra 11 e 20 microgrammi per litro

USI

Tutti gli usi consentiti per consumo umano, incluso bere e cucinare, igiene della persona, degli indumenti e degli ambienti

(acqua erogata al consumo in regime di deroga)

LIMITAZIONI

Non è possibile utilizzare l’acqua:

come bevanda per i bambini di età inferiore
donne in stato di gravidanza;

per cucinare cibi per i bambini di età i
le donne in stato di gravidanza;

per reidratare i cibi liofilizzati o: per s<
o altre polveri alimentari (orzo e caffè solubile.
Le :imprese alimentari devono dotarsi di impia

Ira 21 e 50 picrogrammi per litro

USI

Tutte le operazioni di igiene personale (incluso lavaggio denti) e tutte le operazioni di igiene domestica e degli indumenti. Preparazione di alimenti in cui l’acqua:

– non sia ingrediente
significativo;

– sia a contatto con
l’alimento per tempi ridotti e
venga per la gran parte rimossa
dalla superficie degli alimenti (es.
lavaggio e asciugatura frutta e
verdura, ecc.) (Acqua erogata al
consumo in regime di deroga).

LIMITAZIONI

Oltre alle raccomandazioni di cui sopra quotidianamente e utilizzare l’acqua pe alimenti quali brodi, minestre e minestro cottura della pasta, la lessatura delle verdura dove l’acqua sia elemento significativo.

IL PRESENTE AVVISO COSTITUISCE QUINDI INFORMATIVA RESA AL CITTADINO CHE PUÒ UTILIZZARE L’ACQUA FORNITA DAL GESTORE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO SEGUENDO LE INDICAZIONI CONTENUTE NELLA TABELLA DI CUI SOPRA ED INOLTRE APPROVVIGIONARSI AUTONOMAMENTE CON ACQUA IDONEA AL CONSUMO UMANO (CIOÈ’ CONTENENTE ARSENICO IN CONCENTRAZIONE FINO A 10 MICROGRAMMI/LITRO), NON APPENA SARANNO OPERATIVE APPOSITE FONTANELLE IN CORSO DI ISTALLAZIONE, LE CUI UBICAZIONI SARANNO RESE TEMPESTIVAMENTE E PUBBLICAMENTE NOTE.

Letto e sottoscritto a norma di legge.

IL SINDACO

Mario Fanelli

Articoli correlati

Share This