Civitella Cesi (m 190)

Comune di Blera

 

Il piccolo borgo arroccato su uno sperone di tufo sulla valle del torrente Vesca conserva gli stretti vicoli e le case dove sembra che il tempo si sia fermato.

La presenza intorno a Civitella di abitati protostorici, a due chilometri l’antichissimo insediamento di San Giovenale e le numerose necropoli intorno, fanno supporre che Civitella sia stata un oppidum di difesa, già abitata in epoca etrusca o ancor prima nell’Età del Bronzo.

Abbandonata in epoca medievale fu rioccupata nel XVII secolo grazie alle opere di miglioria condotte dalla famiglia Cesi, a cui appartenne il grande Federico Cesi, fondatore nel 1603 dell’Accademia dei Lincei. Precursore della botanica moderna egli aveva incominciato a scrivere un vasto trattato di storia naturale, che riuscì a pubblicare solo in parte, un’opera fondamentale perché per la prima volta egli riuscì a definire con precisione i fondamenti della morfologia, fisiologia e nomenclatura delle piante, un secolo prima di Linneo.

Il territorio di Civitella Cesi, caratterizzato dalla nota morfologia a pianori e vallecole, coperta di boschi, macchie e pascoli, cela testimonianze di antichissime frequentazioni dell’uomo. Sull’altopiano tufaceo di San Giovenale, alla confluenza del Fosso del Pitale nel Torrente Vesca, è stato riportato alla luce un abitato etrusco del periodo arcaico, VII sec. a.C., scavato dalla Missione Svedese che qui ha operato per dieci anni, tra il 1950 e il 1960.

Attraverso il ritrovamento  di basi di capanne dell’ età  del Bronzo e dell’età del Ferro si è arrivati a stabilire che una comunità umana abitava questo pianoro già in epoca preistorica, a partire dal XI-XIV secolo a.C. Sulle preesistenti mura etrusche i Di Vico innalzarono nel XIII secolo un castello che chiude  la parte occidentale dell’ acropoli .Altri resti di costruzioni del XIII e del XIV secolo testimoniano l’ abbandono di San Giovenale come è accaduto per Luni sul Mignone, San Giuliano, Monterano e Norchia dopo essere stati abitati dai tempi preistorici.

 

Share This